Scritto da AA. VV.

introduzione

039Il tema delle istituzioni assume in questo volume una valenza centrale che, nel dibattito del pensiero critico francese, ma non solo, ha avuto negli anni cinquanta una particolare attenzione. Gilles Deleuze, Maurice Merleau-Ponty e altri autori qui considerati hanno dedicato a questo campo di analisi, riflessioni specifiche che indicano approdi e percorsi diversi tra loro, ma di grande fertilità. Il sociale, l’attenzione verso il sociale, prelude ad una teoria del desiderio che investe le soggettività chiamate ad inventare con “fantasia” i propri campi di espressione.

Campi che per le istituzioni non sono mai codificati una volta per tutte. La processualità caratterizza le istituzioni, mentre la Legge tende a cristallizzarsi nella prescrizione. A quarant’anni da l’Anti-Edipo, primo volume di Capitalismo e schizofrenia di Gilles Deleuze e Félix Guattari, il collettivo di ricerca che si raccoglie intorno a “millepiani” ha voluto soffermarsi in modo specifico sui temi proposti in quel progetto. Numerosi sono stati gli incontri e di particolare importanza quello fiorentino, promosso dall’associazione Quinto Alto, che si è svolto nello scorso aprile. Alcuni dei testi qui proposti sono esito di quell’incontro.

Al centro del nostro interesse vi è dunque la creazione di nuovi spazi di soddisfazione, di mediazione, di costrutti istituzionali da apprezzare nella loro costitutiva provvisorietà/revocabilità. I criteri politici scelti in un’ottica radicale da Gilles Deleuze, indicano la democrazia come un ambito in cui molte sono le istituzioni e poche le leggi.

retro copertina

“Passare la politica” e “passare alla politica”: sono due formule che occorre tenere assieme, accompagnare, addirittura comporre, se possibile. Per far ciò è necessario ritornare a riflettere sul valore/valere delle istituzioni, sul movimento che le dispiega in modo tale da distinguerle – come sottolineava Gilles Deleuze – dalle leggi e dai contratti. La legge, al singolare, è “vuota”; al plurale – le leggi – si rivelano come costitutivamente “compiacenti”. Quest’ultime sono “una limitazione delle azioni”, mentre l’istituzione “è un modello positivo d’azione”, che rilancia il piano del sociale come positivo, in cui la dimensione creativa rimanda al desiderio, alla capacità inventiva che emancipa l’umano dalla subordinazione agli istinti. Il sociale nella sua positività è ciò “che rende possibile” la creazione di ambienti di soddisfazione.

ALTRI NUMERI IN CATALOGO

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
39. Politica e istituzioni per una filosofia in divenire
37/38. Usciti dal futuro
36. Ecosofia critica
35. Il fuori della filosofia
34. Tecnometamorfosi
33. Per un'ecologia politica
32. Dis senso
31. Caosmos
30. La catastrofe dell'immaginario
29. Corpi al lavoro
28. Spazi nomadi
27. Moltiplicare Foucault

redazione Millepiani - via Torricelli, 9    20136    MILANO - ITALY    tel. +39 02 89400869     @info
Joo Distribuzione - via Argelati, 35 20143 MILANO - ITALY tel.+39 02 8375671  fax+39 02 58112324  @info
sito realizzato da www.zerosettantacinque.it
Back to top